MF141 LogoSocial

 

 

Bonus fiscali per l’abitare: il punto sulle nuove misure.

Si è svolto oggi, presso il Ministero dell’Economia e delle Finanze (MEF), il seminario “Fare Casa: sostegno al credito e agevolazioni fiscali per l’abitare delle famiglie italiane”, organizzato in collaborazione con l’Associazione Bancaria Italiana (ABI). Nel momento di ripresa del mercato immobiliare, si è ritenuto utile fare il punto con i professionisti del settore sul complesso delle misure in vigore che si rivolgono all’ampio comparto dell’abitare, dal mutuo per l’acquisto della casa, al sostegno per chi è difficoltà con il pagamento delle rate, al leasing immobiliare, alle agevolazioni fiscali per le ristrutturazioni e le riqualificazioni energetiche, al bonus mobili per le giovani coppie e l’arredamento dell’immobile oggetto di ristrutturazione.

Al seminario, a cui ha partecipato il Ministro dell’Economia e delle Finanze, Pier Carlo Padoan, sono intervenuti: il direttore del Dipartimento del Tesoro, Vicenzo La Via, Il direttore del Dipartimento delle Finanze, Fabrizia Lapecorella, il direttore dell’Agenzia delle Entrate, Rossella Orlandi, il direttore generale dell’Abi, Giovanni Sabatini, il presidente del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili, Gerardo Longobardi, il direttore della Comunicazione Istituzionale del Mef, Roberto Basso.

Per la prima volta tutte le informazioni, guide e materiali illustrativi, utili per orientarsi tra le misure per l’acquisto della casa, la ristrutturazione o l’arredo sono state raccolte in un unico “luogo”, il sito www.casa.governo.it, già attivo e curato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, e che sarà costantemente aggiornato.

OSSERVATORIO DEL MERCATO IMMOBILIARE. Secondo gli ultimi dati dell’Osservatorio del mercato immobiliare dell'Agenzia delle Entrate, nei primi tre mesi del 2016 le compravendite immobiliari sono cresciute del 17,3% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Particolarmente positivo il dato relativo al residenziale, che ha segnato un aumento del 20,6%. L’edilizia, è un forte volano per la crescita economica e occupazionale e la casa è una componente essenziale del benessere delle famiglie. Per questo il governo, con l’ultima legge di stabilità, ha potenziato gli interventi volti al rafforzamento del settore.

Anche le erogazioni dei mutui sottolineano la tendenza all’aumento. Nel 2015, riportano i dati della Banca d’Italia, le nuove erogazioni sono sostanzialmente raddoppiate rispetto al 2014, passando da 31,8 miliardi a 62,1 miliardi (+95,3%).

FONDO DI GARANZIA MUTUI. Il Fondo di garanzia mutui per l’acquisto della prima casa attivato dal Dipartimento del Tesoro registra un trend positivo con una media di circa 1.000 domande pervenute negli ultimi mesi (esattamente 1.167 nel solo mese di maggio 2016). Da gennaio 2015, quando il Fondo è stato attivato, ad oggi, sono pervenute 9.245 domande di cui 7.500 sono state accolte per un ammontare di garanzie ammesso pari a 860 milioni.

FONDO DI SOLIDARIETÀ. Anche il Fondo di solidarietà per la sospensione (fino a 18 mesi) delle rate dei mutui prima casa a chi si trova in temporanea difficoltà è uno strumento di supporto ai cittadini che viene molto utilizzato in caso di perdita del lavoro. A questo si aggiunge l’accordo dell’Abi con le associazioni dei consumatori che consente la sospensione per 12 mesi del pagamento del mutuo nell’ipotesi di cassa integrazione, altre forme di sospensione del lavoro o riduzione dell’orario di lavoro.

DETRAZIONI FISCALI. Le detrazioni fiscali a favore della casa, secondo quanto emerge dalla dichiarazione del 2015, sono state pari a 5,8 miliardi e hanno riguardato un totale di 11 milioni di beneficiari. Si tratta delle detrazioni per le ristrutturazioni, le riqualificazioni energetiche, l’acquisto di mobili e i canoni di locazione.

"Il complesso delle misure sulla casa – ha spiegato il Ministro nel suo intervento conclusivo - hanno una triplice valenza di policy – il sostegno alle famiglie, la ripresa del settore edilizio e della filiera produttiva del settore casa, il moltiplicarsi delle opportunità di accesso al credito. Lungo queste direttive proseguirà l’azione del governo".

“È importante la conferma del ministro dell’economia? ?Padoan? circa le intenzioni del Governo di voler procedere sulla via del credito di imposta per le ristrutturazioni e dell’? ecobonus?”, ha commentato il presidente della commissione Ambiente della Camera, Ermete Realacci. “Si tratta di una misura anticiclica, che aiuta la ripresa e le famiglie, riducendo al contempo i consumi energetici e l’inquinamento, che va stabilizzata nella Legge di Stabilità ed estesa anche agli interi edifici, alle imprese, al consolidamento antisismico e alla bonifica dell’amianto”.

IL DIRETTORE DELL'AGENZIA DELLE ENTRATE SUI BONUS FISCALI PER GLI IMMOBILI. Nel corso del seminario il direttore dell’Agenzia delle Entrate, Rossella Orlandi, ha fornito un quadro delle più recenti disposizioni messe in campo o, semplicemente, confermate dalle ultime leggi, in particolare dalla Stabilità per il 2016 (legge 208/2015), per sorreggere il settore immobiliare e, nello stesso tempo, la crescita economica italiana.

Si è, dunque, soffermata sulla maggiore elasticità del bonus prima casa, sia ai fini Iva sia del Registro, che ora spetta anche se si possiede ancora la vecchia abitazione, purché la si venda entro un anno.

Ha, poi, ricordato gli sconti temporanei finalizzati a soddisfare le esigenze soprattutto dei giovani (35 anni), come l’acquisizione agevolata dell’abitazione principale tramite leasing, favorita da una detrazione Irpef del 19% dei canoni e dei relativi oneri accessori e da un Registro ridotto sul costo dell’acquisto finale; la detrazione dall’Irpef del 50% dell’Iva pagata per l’acquisizione di unità residenziali con elevati indici di efficienza energetica, vendute dalle imprese che le hanno costruite, restaurate o ristrutturate; il “bonus mobili giovani coppie” riservato, lo dice la parola, alle coppie, anche non sposate, che abbiano acquistato nel 2015, o acquistino nel 2016, un’immobile da destinare a loro abitazione principale.

E' stata, inoltre, sottolineata la proroga di popolari benefici fiscali in scadenza, tra questi l’innalzamento della percentuale di detrazione, al 50%, delle spese sostenute per interventi di recupero del patrimonio edilizio (con limite fissato ancora a 96mila euro, invece degli “ordinari” 48mila euro) e, al 65%, di quelle per la riqualificazione energetica degli edifici esistenti (beneficio esteso, per il 2016, anche agli Iacp relativamente agli interventi realizzati su immobili di loro proprietà adibiti a edilizia residenziale pubblica), e il bonus mobili ed elettrodomestici, confermato per l’anno in corso.

Attenzione, infine, puntata sulle misure in favore del mercato delle locazioni, in particolare su quella destinata alle persone fisiche non esercenti attività commerciale, che prevede una deduzione dall’imponibile Irpef pari al 20% del prezzo di acquisto dell’immobile risultante dall’atto notarile di compravendita, nel limite massimo complessivo di 300mila euro (comprensivo di Iva), qualora l’appartamento - entro sei mesi dall’acquisto o dal termine dei lavori - sia dato in affitto a carattere continuativo per almeno otto anni.

A conclusione del suo intervento, Rossella Orlandi, nell’annunciare l’odierna pubblicazione della nota trimestrale (gennaio-marzo 2016) con i dati del mercato immobiliare a cura dell’Omi, ha anticipato la conferma di un nuovo dinamismo delle contrattazioni, che sembra chiudere il lungo ciclo negativo del periodo 2008-2013